Quel “geniaccio” di Alessandro Benvenuti fa a pezzi una tranquilla vita familiare

Alessandro BenvenutiMilano. Ce n’è per tutti. Senza sconti o paternalismi. Con un cinismo e un’ironia talmente graffianti che anche le piccole cose diventano  perle. In scena, una macchina da guerra: Alessandro Benvenuti in “Un comico fatto di sangue”,  scritto e diretto da lui stesso, al Teatro Leonardo fino a domenica, non lascia scampo.

La prima a “cadere” sotto la mannaia della “risata amara” è la vita familiare di un uomo che, tra citazioni di Beckett, Totò e Marx, si ritrova in casa un cane. Poco importa se la bestiolina ha decapitato il suo adorato pappagallino, se lascia i suoi bisognini ovunque e se obbliga l’uomo e metter da parte le sue piccole stravaganti manie quotidiane per occuparsi di lui.

Alessandro Benvenuti2

Ciò che conta è che un evento così “normale” riesca a smontare pezzo per pezzo la vita di un marito qualsiasi. Ma anche di sua moglie, interpretata dallo stesso bravissimo Benvenuti. Fra loro, le figlie, la politica, la religione, i talebani, l’alimentazione e perfino le mutazioni climatiche.

Lo spettacolo è delizioso: 90 minuti di grande ritmo, risate di cuore che lasciano il posto – poi – ad amare riflessioni. Per arrivare a un finale che spiazza. Assolutamente da vedere.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...